Pronti a varcare il passaggio spazio-temporale?

Roma – Venerdì 16 settembre 2022 e sabato 17 dalle 21.30 alle 5.00, in via di Porta Labicana 32, a Romasi riaccendono le luci della Conventicola Degli Ultramoderni, il più importante palcoscenico di Varietà Burlesque che riapre il sipario con qualche novità e grandi conferme. 

Varcando quella porticina nera nel cuore di San Lorenzo, dal giovedì alla domenica entrerete nel mondo dolce del Varietà, per un dopocena romantico fino alle luci dell’alba con cocktail incantevoli e divertimenti d’antan.

La Conventicola degli Ultramoderni è un Cafè Chantant, un Cabaret, un Piano bar d’altri tempi, un luogo che pare esistere da sempre e da mai, dove l’intrattenimento non è distrazione, ma astrazione. 

Sior Mirkaccio lo troviamo lì, insieme alla straordinaria e misteriosa Madame De Freitas, come perfetti padroni di casa ad animare le notti fino all’alba. Con loro un cast eccezionale e variegato tra cui il Grande Calomino, un ragazzo di 25 anni con la passione per la musica grammofonica italiana, che si propone con lo swing da Natalino Otto a Fred Buscaglione. Le macchiette napoletane di Ciccio Frisco detto l’ultimo macchiettista, Mike LuPonecon il suo repertorio ispirato al musical e a Judy Garland, Damiana “Rose Selavy” Ardito cantante del repertorio americano degli anni ’20 e burlesquer mozzafiato.

La stagione sarà arricchita, inoltre, dalla presenza di un piccolo corpo di ballo che sottolineerà le scene e i numeri canori dei padroni di casa. Non mancherà la Magia con gli illusionisti resident Magic Dorian e il Mago Novas.

Alla Conventicola Degli Ultramoderni il Burlesque è sempre di casa con Ginevra Joyce, già Miss Burlesque Italia, e Albadoro Gala, vincitrice del New Orleans Burlesque Festival e resident del programma televisivo Stracult (Rai 3).

Ginevra Joyce e Albadoro Gala sono anche tra le insegnanti della Scuola di Burlesque della Conventicola che quest’anno ha già più di venti iscritti. Tra gli insegnanti oltre a Madame de Freitasper il Costume e Sior Mirkaccio per la Storia della musica e musicalità, Federico “Fefè” Catarinelli,ballerino e coreografo, che quest’anno farà anche parte del cast in veste di performer e fantasista.

La Conventicola Degli Ultramoderni è – non solo Club – ma  anche Atelier di CostumeriaScuola di Varietà e Burlesque e sartoria. La scuola, nata per tramandare e salvaguardare la bellezza del Varietà e del Burlesque da un’idea di Madame De Freitas e Sior Mirkaccio (Mirko Dettori) è un vero vivaio di artisti, ma anche una sorta di formazione personale per conoscere le proprie peculiarità e affrontare al meglio la vita:

“Formiamo artiste e artisti di Varietà e Burlesque dando loro la possibilità di sperimentarsi sul nostro palco. Insegniamo a fare di sé stessi un’opera d’arte, studiando coreografie e imparando a coreografarsi, interagendo con la musica dal vivo, lavorando sulla propria immagine tra costumi, trucco e acconciature, affrontando la storia della musica e dello spettacolo. Il Burlesque e il Varietà – conclude Sior Mirkaccio – sono discipline utili a imparare ad agire in palcoscenico e anche a trovare nuovi stimoli culturali, nonché a trarre una chiave di lettura della propria vita, lavorando su sé stessi e mettendosi in gioco”.

Tanti gli ospiti che verranno svelati durante la nuova stagione: tra gli altri, Kitten de Ville da Las Vegasstar internazionale del Burleque, Russell Brunner, il più importante boylesquer al mondo, reso celebre da Dita Von Teese, Adel Tirant originale interprete del repertorio di Edith Piaf, il Colonnello Fernandez dittatore dell’umorismo, il sassofonista jazz Peppe Ricciardo. Confermata la presenza alla batteria del grande Alberto Botta, storico batterista di Quelli della Notte e gli immancabili ed attesissimi duetti di Madame de Freitas e Sior Mirkaccio, con brani italiani e siparietti originali tratti dal l’ultimo disco.

La Conventicola Degli Ultramoderni valorizza la scena del Nuovo Varietà Italiano con un locale creato da artisti, con amore e idealismo, una “piccola cosa” che mancava, da visitare se in viaggio o da frequentare abitualmente per chi vive in zona, un cabaret all’antica dove potersi sentire altrove e a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *