Categorie
Attualità Tutela dei cittadini

San Giacomo e Forlanini: urge commissario per riapertura

“Numerosi i cittadini durante la pandemia si sono chiesti come mai ospedali romani che godevano di fama e ottima tradizione assistenziale non siano stati messi a disposizione della città in un momento tanto drammatico, preferendo accreditare strutture private”.Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “la sentenza del 7 aprile del Consiglio di Stato, massima magistratura amministrativa, annullando i decreti di chiusura del San Giacomo rimette in discussione discutibili scelte della Regione Lazio e inverte la prospettiva che vedrebbe lo storico ospedale del centro di Roma e l’altra struttura chiusa, il Forlanini di Monteverde, destinati all’oblìo e forse alla vendita a ‘prezzi stracciati’, quasi fossero una batteria di pentole”. Il presidente propone anche possibili soluzioni: “a questo punto è dovere della Regione nominare un amministratore per la riapertura del San Giacomo e del Forlanini, supportata quest’ultima, da 118mila firme raccolte in una petizione online lanciata dal professor Massimo Martelli, già chirurgo toracico del nosocomio monteverdino. Ė importante ribadire che i giudici amministrativi hanno stabilito il principio che nessuna esigenza di natura economica può giustificare lo smantellamento di un servizio assistenziale pubblico, di questo Zingaretti deve tener conto”, chiosa il presidente. 

Categorie
Uncategorized

Addio al Duca di Edinburgo

Apprendo con grande costernazione la scomparsa di S.A.R Duca di Edimburgo.StringendoSi al dolore la nobile casata Italiana Maritato,prende viva parte al lutto di Sua Maestà la Regina,della Famiglia Reale Inglese,dal popolo Britannico e dell’intero Commonwealth.
Don Michel Emi Maritato

Categorie
Attualità Tutela dei cittadini

Virus e guerra: non si vince senza esercito

“Continua senza sosta la narrazione di una sanità regionale risanata. Comprendiamo l’esaltazione per i discreti risultati raggiunti con le vaccinazioni ma ci sorprende la noncuranza con cui si continua a sorvolare sulla gravità della situazione in cui versa la sanità in generale”.Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “Nei pronto soccorso le attese continuano a essere devastanti: i malati in barella sono accerchiati da altri compagni di sofferenza, ciò dimostra che non c’è solo la pandemia ma i vertici regionali forse lo hanno dimenticato. Sarebbe invece il caso che il presidente Zingaretti intervenisse – incalza Maritato – non c’è tempo da perdere, il servizio sanitario regionale è in sovraccarico da mesi. Le ambulanze ferme con pazienti a bordo sono la espressione del fallimento”. Il presidente si sofferma sulla recente sentenza del Consiglio di Stato che ha stigmatizzato la chiusura del San Giacomo nel 2008. “Se gli amministratori regionali facessero più attenzione a ciò che scrivono i giudici, forse farebbero un esame di coscienza. Anche Palazzo Spada reagisce di fronte alla mannaia che ha tagliato negli anni 3.600 posti letto e chiuso 16 ospedali.  A tutto ciò – attacca Maritato – si aggiunga la carenza di personale medico e infermieristico e il resto è storia recente. Ci dicono che siamo in guerra e noi chiediamo di finirla con le parole e passare ai fatti. Assumere medici e infermieri senza ritardi ulteriori è un dovere morale e un obbligo gestionale. Non si vincono le guerre senza eserciti”, chiosa il presidente

Categorie
Attualità Musica News

Alberto Rapetti: “I segnali di ripresa si vedono all’orizzonte e viaggiano alla velocità della cadenza dei vaccini”

Alberto Rapetti, Presidente di IMusic Lab, nata 5 anni fa e oggi è leader del mercato italiano nel settore Instore per il segmento discografico ed editoriale, si concede in un’intervista esclusiva analizzando l’arte e la musica nel pre e post pandemia.
Rapetti esprime le sue valutazioni e i suoi obiettivi futuri, con la speranza che presto tutto ritorni alla normalità.

Lei è il presidente di iMusiclab, può dirci qual’è il suo obiettivo e come sta affrontando questo periodo cosi particolare?
“Prima della pandemia ogni anno organizzavamo, tra le varie attività di entertainment, centinaia di presentazioni discografiche ed editoriali nel contesto principalmente dei centri commerciali in tutta Italia. Queste attività, che hanno visto coinvolti i principali artisti della scena musicale Italiana ed i principali influencer, hanno interessato centinaia di migliaia di spettatori, hanno permesso la vendita di centinaia di migliaia di copie di cd e di libri dando un importante giovamento alle aziende discografiche e agli editori, hanno generato un ottimo bacino d’utenza per i centri commerciali ospitanti.
Il Covid ha interrotto tutto questo indotto virtuoso; Il 28 febbraio del 2020 la macchina si è fermata…
La nostra pronta reazione è stata potenziare, con il supporto di aziende partner in ambito tecnologico, il lato digital e online proponendo piattaforme di streaming altamente qualitative, pensate per effettuare presentazioni discografiche ed editoriali online con accesso dei fans tramite acquisto di cd o libri.
Da qui è nata la piattaforma INSTORE2020:In pratica l’obiettivo è stato ricreare lo scenario dell’incontro Artisti/Fan in diretta streaming, in una vera e propria trasmissione web che permetta l’interazione grazie ad una chat dedicata e grazie alla possibilità data ai fans di intervenire, con l’azione di un moderatore e della regia, in diretta tramite la web cam.
Questa tipologia di attività potrà coesistere, a mio avviso, con gli eventi in presenza live anche dopo la pandemia, avendo caratteristiche fondamentalmente diverse rispetto al tradizionale firmacopie, nel quale in realtà l’interazione con l’artista si limita all’autografo e alla foto, ma l’artista raramente può avere il tempo materiale di parlare con i fans, dovendo firmare tantissime copie e non dovendo far attendere troppo tempo i fans stessi in coda.
L’altra reazione all’impossibilità di effettuare assembramenti è stata l’organizzazione degli eventi di presentazione discografica e letteraria nel contesto dei Cinema con un format in totale sicurezza e distanziamento. Sono orgoglioso per il fatto che siamo stati gli unici ad organizzare eventi di questo tipo, per esempio il tour firmacopie di Emis Killa e Jack La Furia assieme a Sony Music a Settembre 2020; stavamo strutturando altri tour a seguire utilizzando lo stesso format organizzativo, ma i cinema sono stati chiusi…e questo ha interrotto anche questa strada che è però assolutamente percorribile in sicurezza non appena i Cinema potranno riaprire.
Il periodo di stop è stato ricco di idee che stiamo concretizzando nell’ambito di Piattaforme di streaming come servizio di supporto alla didattica e alle istituzioni, oltre a proposte di eventi in realtà aumentata per coniugare l’experience fisica con quella digitale e social (l’ormai famoso Phygital).”

La Musica e l’arte in generale sono abbastanza fermi da ormai un anno…vede segnali di ripresa nel breve futuro? Pensa che il Covid abbia penalizzato il settore in modo importante?
“Il Covid ha falcidiato il settore dello spettacolo bloccando di fatto praticamente tutti gli eventi di aggregazione da oltre un anno, con una breve tregua estiva nel 2020 non sufficiente a coprire le perdite, e con una ricaduta pesantissima su tutto l’indotto, con calo drastico delle vendite di cd e libri, crollo dell’indotto del diritto d’autore e dei diritti connessi discografici, oltre a tutta la filiera degli eventi live ferma: tecnici audio e personale di supporto nei live, allestitori, personale di sicurezza, presentatori, fotografi, driver e personal, attori teatrali, compagnie di danza etc etc.
I segnali di ripresa si vedono all’orizzonte e viaggiano alla velocità della cadenza dei vaccini a mio avviso.
Più rapida sarà la fase di vaccinazione e messa in sicurezza delle fasce a rischio, più rapida sarà la ripresa della possibilità di aggregarsi, con regole certe e soprattutto, fondamentale, con regole realmente fattibili e che riescano a coniugare la sicurezza, che preme a tutti gli operatori del settore ovviamente, alla concretezza di garantire la giusta copertura economica agli operatori del mondo dello spettacolo.
Non si potrà ripartire con limitazioni all’utenza al di sotto della soglia di copertura dei costi, se non con aiuti e supporti statali nella fase della startup della nuova fase. Sicurezza e Reale Fattibilità devono essere gli slogan fondamentali.
Che riaprano presto i Teatri, i Cinema, i Club di musica Live, le Discoteche etc etc con il giusto compromesso tra sicurezza e giusta remuneratività che non può essere ottenuta con il 25% della capienza per esempio.”

3)In questo anno sono stati sospesi molti eventi, come pensa di comportarsi quando il Covid finirà?

“Quando il Covid finirà la voglia della gente di aggregarsi e tornare ad abbracciarsi sarà fortissima e questo si concretizzerà in un boom degli eventi, permettendo al settore dello Spettacolo di riappropriarsi del ruolo fondamentale che in realtà ricopre e che per troppo tempo è stato sottovalutato.
In aggiunta gioveremo di tutto quello che abbiamo imparato durante la pandemia e dei nuovi progetti che abbiamo strutturato, per un ulteriore miglioramento dell’offerta di intrattenimento, e la convinzione che con le giuste regole e con format organizzativi ben strutturati si possa migliorare l’esperienza di tutti: sia degli organizzatori che degli spettatori.
Ripeto, l’importante è che le regole che il governo ci indicherà siano giuste e fattibili.
Il mondo dell’online poi sarà un’ulteriore forma di fruizione che continuerà ad esistere in quanto complementare agli eventi fisici e inoltre un’intersezione dei due “mondi”, fisico e digital (l’ormai famoso Phygital) permetterà l’ampiamento del bacino d’utenza e la possibilità di raggiungere ancora più fruitori a cui dare experience uniche ed emozionanti.
Cogliamo il positivo da quanto accaduto per evolverci in meglio.”

Categorie
Uncategorized

IL MIO VALZER CON PAPA’ Un ritratto famigliare del generale dalla Chiesa di Rita dalla Chiesa (Rai Libri, 2020, pag. 200)

L’Università degli Studi eCampus presenta, all’interno della propria rassegna editoriale online, il libro “IL MIO VALZER CON PAPA’ – Un ritratto famigliare del generale dalla Chiesa”, di Rita dalla Chiesa (Rai Libri, 2020, pag. 200).

L’appuntamento è per mercoledì 14 aprile 2021, ore 17,  con il webinar  on line sui canali Facebook e Youtube di eCampusin compagnia dell’autrice, Rita dalla Chiesa, intervistata da Cataldo Calabretta.

ricordi di bambina cresciuta con la fami­glia in una caserma dell’Arma cambiando spesso città. L’adolescenza ribelle e il non saper stare troppo “nei ranghi”. Il varcare la soglia dell’età adulta fatta di nuove consapevolezze. Ma, accanto a lei, l’uomo che nonostante la sua triste e prematu­ra scomparsa non smetterà mai di bal­lare insieme alla sua adorata figlia.

Ques­ta è l’immagine che Rita dalla Chiesa ha di suo padre Carlo Alberto, per tutti noi figura simbolo della lotta delle istituzio­ni italiane contro il terrorismo e la mafia, vittima nell’82 di un infame agguato. In occasione dei cento anni dalla sua nasci­ta, l’autrice ci regala il ritratto commosso, orgoglioso, tenero e vivido, di un uomo che ha incarnato il senso della giustizia e della capacità di lotta contro le diverse forme del male sociale. Ma, soprattutto, l’omaggio di una figlia che ha perso tragi­camente suo padre, strappato troppo pres­to all’affetto suo e dei suoi fratelli.

«Ricordo, una sera, che eravamo al Circolo Ufficiali, e mio padre mi chiese di ballare. Finalmente era solo il mio papà, non il generale dalla Chiesa. Ballammo un valzer, Sul bel Danubio blu, e io ero felice. Lui con la sua divisa di gala, e io con un abito lungo giallo pastello. La foto di quel valzer con papà, per me, rappresenta tante cose. Soprattutto una spensieratezza che non era certo la nostra compagna di vita».

*****

RITA DALLA CHIESA

Rita dalla Chiesa (Casoria, 1947) è giornalista e conduttrice televisiva. Dopo un esordio sulle reti Rai dove ha condotto diversi programmi, tra cui “Vediamoci sul due” e “Pane e marmellata”, ha legato la sua immagine al longevo programma “Forum”. È autrice di “Mi salvo da sola” (Mondadori, 2019).

CATALDO CALABRETTA

Avvocato e docente universitario di diritto dell’informazione (eCampus di Novedrate, Università della Calabria). È Dottore di Ricerca in “Impresa, Stato e Mercato” con specializzazione in Diritto Privato. È esperto in affari legali d’Impresa. È giornalista, esperto di cronaca nera e giudiziaria, da anni è consulente legale di Raiuno. Ha curato e condotto molte rubriche per le trasmissioni di Raiuno, tra cui “Parole in codice” – Uno Mattina, “I cold case italiani – Vita in diretta, “In Vostra Difesa”.

*****

L’Università eCampus è un Ateneo che, attraverso una didattica e-learning, propone 56 percorsi di laurea e numerosi master altamente professionalizzanti. Tra i principali obiettivi, la c.d. “Terza Missione”, l’insieme cioè di tutte quelle attività con le quali l’Università, oltre a fare Alta formazione e Ricerca, entra in contatto con il contesto socio-economico attraverso il  trasferimento e  la valorizzazione delle conoscenze. Ciò sin dalla sua

istituzione (con Decreto del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca  del  30 gennaio 2006) e  grazie alla presenza capillare con proprie sedi  in tutte le principali città d’Italia.

Info all’indirizzo www.uniecampus.it

Categorie
Attualità Tutela dei cittadini

Virus: “l’alto numero dei morti non è un caso”

“Il presidente del Consiglio Mario Draghi, al momento della presentazione del suo programma di governo, il 17 febbraio scorso, promise che la lotta alla pandemia sarebbe stata la prima priorità”. Inizia così la riflessione del presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, che spiega:“il primo ministro collocò tra le urgenze, oltre alla lotta alla pandemia la salvezza della vita dei cittadini ma, a tutt’oggi, questa seconda preoccupazione non si è assolutamente attenuata perché il numero dei morti fatica a decrescere e vorremmo conoscerne le motivazioni”. Secondo Maritato, chi si aspettava un cambio di passo è rimasto deluso. “Basta osservare il numero dei morti e quello delle vaccinazioni, sicuramente interdipendenti – insiste il presidente – non possiamo non constatare come l’eccesso di mortalità che si è manifestato nella realtà italiana necessiti di una attenta analisi critica, che auspichiamo sia prima o poi condotta dalla comunità scientifica e dagli esperti. Se nella prima ondata il Paese colto di sorpresa e per primo in Europa, si è trovato obiettivamente di fronte all’imponderabile, nelle successive fasi non è assolutamente giustificabile un improvvisato ‘fai da te’ andando avanti come nulla fosse. Alcuni elementi vanno indagati – sostiene il presidente – anche al fine di orientare le politiche sanitarie nei prossimi anni. Non possiamo ignorare il depauperamento dei nostri ospedali, con il taglio di posti letto e la drastica riduzione di medici ‘intensivisti’ e infermieri con un numero tra i più bassi d’Europa. Tutto quello che una pandemia non può sopportare”, chiosa Maritato.

Roma, 8 aprile 2021

Categorie
Uncategorized

COMUNICATO STAMPA DI 4 CHIACCHIERE DA BAR DEL 8 APRILE 2021

Giovedì 8 Aprile torna il tanto atteso appuntamento con 4 Chiacchere da Bar dove la Director Manager Isabel Stasi di RM PRODUCTION torna a presidiare il programma affiancata come sempre dall’ ormai suo partner di lavoro, il Maestro Vince Tempera dal Regista Flavio Zinni ma anche dal Direttore Tecnico Ballerino Coreografo Eddy Russo.

Gli ospiti che entreranno nel Bar virtuale più visto del Web e che siederanno a tavolino con noi questa volta sono Luca Giliberto e Luca Gurrieri due giovani Siciliani che durante il periodo di Lockdown uscirono con grinta ed emozioni sulle note di un celebre brano “SOUND OF SILENCE” un testo che ha colpito il cuore di milioni di ascoltatori sul WEB e non solo..hanno portato Speranza,Forza in un periodo di Incertezze e Sconforti. Adesso tornano in scena con il loro nuovo singolo “TORNI” un brano che questa volta porta tutto sul piano personale con un ritornello che rimane subito in testa ed una canzone più Standard rispetto a prima, che a pochissime ore di uscita sta già facendo numeri pazzeschi su tutte le piattaforme e ottenendo già i primi posti nelle classifiche radio più ascoltate.Ad affiancarli oltre al Manangement di Isabel Stasi ci sarà la “LION MUSIC”etichetta Discografica che ci racconterà tutto quello che si deve sapere su LUCA E LUCA.Gli ospiti non sono finiti siederà nel Bar Virtuale un grandissimo Personaggio un Attore che ha fatto sognare migliaia di noi “DANILO BRUGIA” Amatissimo nella Fiction più vista e seguita da milioni di telespettatori su CANALE 5 “CENTOVETRINE.”oltre ad essere un bravissimo Attore scopriamo che ha una passione anche per il canto.Quindi come sempre sarà una puntata STREPITOSA non mancate….. vi aspettiamo per passare un’ora in compagnia.
La puntata sarà visibile e in diretta dalle 21.00 sulle pagine https://Facebook di Rm Production Artisti/Flavio Zinni www.Facebook.com/ Rm Productionartisti https:// oppure www.Facebook.com/ VJMeFLY o sui canali Youtube Rm Production Artisti/ Flavio Zinni Channel

Categorie
Uncategorized

L’ITALIA NEL CAOS LEGISLATIVO ED ORGANIZZATIVO: Il COMITATO NAZIONALE SCUOLA IN SICUREZZA CHIEDE NELL’IMMEDIATO ITERVENTI CONCRETI E GARANTISTI.

Il nuovo Decreto legge (n.44/2021) emanato dal governo Draghi è colorato di un sorprendente e quanto mai contraddittorio “aperturismo” decidendo sul ritorno in presenza, di milioni di alunni e docenti, anche in zona rossa.

La decisione è presa mentre ci troviamo in una situazione di altissimo allarme pandemico ed il Ministero della Salute rende noto che in Europa l’Italia ha il numero più alto di vittime 107.933 (Fonte Dashboard ECDC, 01 Aprile 2021).

In soli due giorni di aperture nel Lazio, due classi di una scuola in quarantena (la Repubblica del 04 aprile 2021)…

Sembra di vivere una dimensione surreale: il Governo, in questo momento, anziché avvertire l’urgenza di programmare e prevedere misure concrete di mitigazione, soprattutto per il comparto scolastico (efficientamento sistema di trasporti, testing e screening costanti e tempestivi, contact tracing  adeguato ed efficace, dispositivi di protezione e distanze adatte a contrastare il contagio da variante inglese  Sars-Cov2, molto più contagiosa e diffusibile, sistemi di areazione, assunzione di personale, interventi di riqualificazione edilizia etc.); anziché pensare di ridurre l’intasamento degli ospedali che in molte Regioni Italiane sono al collasso, di converso decreta, a valori di contagi molto alti e con urgenza, il ritorno in presenza, anche nelle zone rosse, per milioni di alunni (i più piccoli) e docenti.

La scuola, quindi, è sicura, ma solo per i bambini da 0 a 13 anni …. per gli altri studenti, invece, conviene sbarrare i cancelli!

La scuola è sicura in classi in cui sono stipati per circa sei ore venti bambini in media, mentre le attività commerciali che hanno investito i propri risparmi per adeguarsi alle normative anticontagio e malgrado gli ingressi contingentati, sono sospese e/o limitate, ormai da così tanto tempo che sono sull’orlo del fallimento.

Vi è di più, è di ieri la conferma del fatto che “sui mezzi pubblici il virus circoli liberamente” il comando Carabinieri per la Tutela della Salute, d’intesa con il Ministero della Salute, ha avviato una campagna di controllo a livello nazionale sui mezzi di trasporto pubblico: “sono stati rilevati 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico su linee di trasporto pubblico di Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto” (Orizzonte scuola 6 Apr. 2021).

A questa miscellanea va ad aggiungersi che non tutti i docenti e personale scolastico hanno ottenuto neppure la prima dose del vaccino e solo lo 0,86% ha ricevuto entrambe le dosi (fonte Presidenza del Consiglio dei Ministri); tuttavia si è deciso comunque che milioni tra docenti e personale ATA devono rientrare in presenza.

Il caos vaccinazioni in molti regioni Italiane sta ingenerando notevoli e gravosi ritardi della campagna in atto.

Questo accade in Italia, mentre nel Regno Unito, nazione in cui con encomiabile speditezza, procede la vaccinazione , si è ritornati in presenza solo dopo molte settimane di chiusura (per consentire lo svolgimento della campagna vaccinale) e con i contagi in calo. In Francia invece Macron, ha annunciato qualche giorno fa la chiusura di alcuni cicli scolastici rinunciando alla politica aperturista tout court, che presumibilmente non ha prodotto i risultati auspicati.

In questa delicatissima fase è obbligatoria l’osservanza dei dati scientifici, leggi inderogabili, per tutti, in primis per chi ha la responsabilità di governare e decidere.

In questo momento è necessario sostenere e promuovere tutte quelle misure, concrete, che ci consentano di uscire presto da questa tragedia.

Non esiste il rischio zero ma è un sacrosanto diritto chiedere e ottenere, con altrettanta urgenza,  misure volte a ridurre validamente il rischio da contagio.

Ecco perché il CNSS reitera con vigore, l’ennesima istanza al governo centrale e ai governatori locali: programmare e attuare misure di mitigazione concrete per il comparto scolastico e nelle more, consentire alle famiglie, che intendano farne richiesta, la possibilità di usufruire della didattica digitale. Il Governatore Emiliano in Puglia, con lungimiranza, ha emesso un’ordinanza dall’alto contenuto garantista, consentendo a tutti quei genitori, che a ragion veduta sono preoccupati per un rientro in presenza dei propri figli, di scegliere temporaneamente, la modalità didattica meno rischiosa.

Il provvedimento menzionato non solo rispetta in pieno il dettato costituzionale che tutela attraverso l’obbligo, l’istruzione per alcune categorie di alunni ma, al contempo assume un importante significato di considerazione e protezione sociale, ascoltando il monito di alcuni cittadini, preoccupati e per certi versi disperati, fino a prospettare il mancato rientro in classe dei propri figli!

Chi è lontano dalla realtà quotidiana, circostanza comune a molte poltrone, non conosce i disagi sociali che questo periodo emergenziale ha ingenerato e continua a causare nella collettività.

Ma perché si tarda ad investire nelle misure di mitigazione per la scuola? 

Bisogna urgentemente intervenire rivedendo la decretazione che più che d’urgenza sembrerebbe dilatoria, di sperimentazione e “abusata” se si considera il divieto di reiterazione della decretazione d’urgenza, cristallizzato, in alcune pronunce, dalla Corte Costituzionale oltre che, nella legge n. 400/1988, che disciplina l’attività del Governo definendone gli ambiti, posto che  il fondamento della democrazia è:  la distinzione tra il potere legislativo e quello esecutivo.

Crediamo ancora nella democrazia e “in democrazia nessun fatto della vita si sottrae alla politica”.(Gandhi)

Anna Rovito Presidente Nazionale CNSS

Categorie
Attualità Sanità

Ivan Santoro:” Invito tutti al Webinar del 17 aprile”

Ivan Santoro è un infermiere Coordinatore esperto di Wound Care Alzano Lombardo (BG), relatore in diversi congressi nazionali, vanta la pubblicazione di quattro e-book sulle lesioni da pressione dal 2007 al 2020 e Coordinatore scientifico per www.infermierewoundcare.it.
Santoro è inoltre Ideatore di LESIONI TOUR ®️nonché creatore nel 2017 del sito www.ilditonellapiaga.it che condivide studi e notizie inerenti al Wound Care, collegato ai vari social internazionali.
In un’intervista esclusiva Santoro invita tutti a partecipare al webinar del 17 aprile di Wulnotech e rilascia dichiarazione circa le sue innumerevoli iniziative.

In cosa consiste il progetto Wulnotech?
“ La mission di questa del progetto  WulnoTECH, è quella di creare una rete inter e multidisciplinare tra operatori sanitari e cittadini: Specialisti in Wound Care, Esperti in Wound Care, Specialisti, Operatori Sanitari che operano anche in settori socio- assistenziali.
I punti essenziali della vision sono i seguenti:
1. PCA → percorsi di assessment sistemico e locale per tipologia e eziologia di lesione, creando così l’uniformità di percorsi/trattamenti.
2. Governo clinico in Wound Healing → con processo decisionale, responsabilità, audit clinico.
3. Formazione e Educazione → L’ Infermiere ha il DOVERE di educare secondo le ultime linee guida e i documenti di posizionamento, gli Operatori del settore e i caregivers creando RETE, in questo caso una vera RETE vulnologica per sviluppare competenze, collaborazione, confronto e orientamento in un binario univoco e parlando un linguaggio all’ unisono.
4. Corsi in remoto, con i TEAM che collaborano e aderiscono a questa RETE VULNOLOGICA.
5. Training di Operatori alle “prime armi” o inesperti, ai caregivers secondo un approccio scientifico e validato, suddivisio in pacchetti formativi: BASIC- MEDIUM- SPECIALIST.

WhatsApp Image 2021-04-07 at 15.46.45


Come e da dove nasce questa idea?
“La grave pandemia  di COVID-19 che ha colpito il territorio italiano, ha evidenziato come è ancor più necessario creare uno strumento di supporto per gli operatori sanitari che siano ospedalieri o extraospedalieri (tipo RSA o ADI) e i caregivers sempre più solitari nella giungla assistenziale, creare un Network italiano per definire un percorso Clinico Assistenziale, gestito dagli infermieri Woundcare Specialist (TVN) al servizio di tutta la rete assistenziale, nei diversi Setting di cura, ed accessibile alle diverse figure sanitarie. Inoltre una sezione dedicata ai Caregiver e i cittadini per un percorso educazionale e di training. L’ analisi della survey del Luglio 2020 di infermierewoundcare di Assocarenews.it, ha supportato questo progetto in fase embrionale e cammin facendo, grazie alla Dott.ssa Sonia Silvestrini e alla Dott.ssa Alessandra Vernacchia questo progetto è divenuto una solida realtà del Wound Care italiano. Abbiamo fatto crescere il progetto che può e deve essere il futuro della prevenzione e del trattamento in Wound Care, suddiviso in diversi step o argomenti monotematici. Recentemente abbiamo registrato il progetto e il marchio presso la Camera di Commercio di Roma.”

Ci può dare qualche anticipazione Sul webinar del 17 aprile?
“Il Webinar del 17 aprile tratterà molti argomenti che ci stanno a cuore e sarà diviso in 4 fasi:
1-I principali nutrienti che influenzano il processo di riparazione tissutale
2-Il ruolo dell’arginina e della vitamina C liposomiale nell’impalcatura cellulare
3-indicazione e conclusioni
4- Un ultimo spazio sarà dedicato ad eventuali domande e curiosità
Invito tutti a partecipare, proseguiremo la traccia del primo Webinar monotematico, e in questa occasione verrà esposta una macroarea ancor oggi troppo dimenticata: la correlazione tra lesioni cutanee e nutrizione/malnutrizione.
Spero di avere un grande riscontro da parte di tutti!”

Categorie
Attualità Tutela dei cittadini

Virus sui bus: Regione e Comune tutelino i cittadini

“Scioccante indagine dei Nas sul possibile contagio nei mezzi di trasporto: su bus e treni del Lazio sono state rilevate tracce dell’agente infettivo in grado di trasmettere la malattia da Covid”.Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che continua: “chiediamo con urgenza a Regione e Comune di informarci su quali misure di prevenzione siano state programmate al fine di  garantire la tutela della salute dei lavoratori e delle migliaia di fruitori dei mezzi pubblici della città di Roma e delle province del Lazio che quotidianamente sono costretti a usare bus e treni per motivi di lavoro”.  Le analisi effettuate dai carabinieri del Nas, su incarico del ministero della Salute, avrebbero rilevato 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus, sulla base di 756 tamponi effettuati sulle superfici di mezzi di trasporto e stazioni. “Le analisi hanno rilevato con certezza il transito e il contatto di individui colpiti dall’infezione a bordo dei mezzi, determinando la permanenza di una traccia virale – rileva il presidente – anche se questo non è indice di effettiva capacità di virulenza o vitalità dell’agente patogeno. Questo dimostra che forse non c’è stata una corretta applicazione delle misure dicontenimento epidemico sui servizi di trasporto pubblico e qualcuno, prima o poi ne dovrà rispondere”, chiosa Maritato

Roma, 7 aprile 2021